Difesa Donna

Il nostro obiettivo è far si che una donna possa assumere l'atteggiamento mentale di avere il diritto di proteggere se stessa. La vera forza che porta a reagire è la forza mentale, che permetterà poi l'utilizzo della forza fisica. La forza mentale,trasformando la nostra paura in energia positiva, ci permette di reagire istantaneamente ed efficacemente, invece di restarcene immobilizzati dalla paura. Nella guerra psicologica della difesa personale, l'arma più efficace di una donna sarà il suo cervello. Se impara ad allenarlo per reagire alle situazioni di crisi, questo nel momento del pericolo l'aiuterà a mantenere la calma necessaria a formulare una determinata risposta a quella determinata situazione. Allenare il cervello significa pensare a quali fattori potrebbero impedirci di reagire, pianificare in anticipo le nostre emozioni, analizzare il modo migliore per adattarsi ad alcune situazioni di pericolo.
La donna dovrebbe vedere se stessa in maniera obiettiva, valutare se lottando peggiora la situazione o se lottare sarà la miglior cosa da fare. In quel caso può imparare a farlo e allora avrà solo bisogno di poche ma efficaci tecniche per respingere un attacco.
In una situazione di pericolo è più facile che vi ricordiate le tecniche semplici piuttosto che quelle complesse. Un sistema di autodifesa serve se è semplice e diretto.
Il nostro corso di Difesa Personale insegnarà ad allenare e sviluppare un piano che sia realistico, adatto alle esigenze e abilità individuali, valutando le capacità fisiche di ognuna.
Dovrà insegnare la tempestività, la distanza da mantenere, i vari attacchi e difese, ma soprattutto la prevenzione. Fondamentale è l'osservazione e il controllo ambientale.

Ecco le varie fasi di un corso di autodifesa:
1. Per prima cosa bisogna capire in che modo i guai iniziano e quindi pianificare un modo per evitarli. Le strategie variano a seconda del problema: scippo, rapina, aggressione, sequestro, stupro. La reazione dovrà essere immediata, contundente, determinata e risolutiva. Perché lui non vi darà una seconda opportunita.!!! Non cercate di dialogare; è inutile tentare di persuadere ad usare la logica un individuo che non ha scrupoli.
2. Seconda cosa, prendere confidenza con il proprio corpo. Sviluppare una buona coordinazione per sentirsi a proprio agio, da qui poi nascerà la consapevolezza di poter colpire qualsiasi cosa con potenza. I movimenti diventeranno sciolti e si acquisirà il pieno controllo delle tecniche.
3. E' importante imparare a reagire sotto pressione, facendo prove di attacchi improvvisi. La spontaneità delle tecniche è la cosa più difficile da assimilare, però indispensabile quando si ha a che fare con un' aggressione da strada.
4. Non ultimo il mind-set (preparazione mentale), ovvero la determinazione e l'autocontrollo  quando la situazione lo richiede e non ci sono altre alternative.

OBIETTIVI : Lo scopo del corso è di aumentare e migliorare la fiducia in se stesse e il senso di sicurezza attraverso il raggiungimento di una buona preparazione psicofisica, con l’apprendimento di tecniche fisiche, mentali e percettive, in grado di trasformare la paura in consapevolezza del pericolo.
Il corso vuole essere una risposta concreta alle incertezze che accompagnano le donne nel condurre la vita quotidiana, dove la violenza maschile contro di esse pare purtroppo irrefrenabile.

CONTENUTI I: l corso affronta teoricamente e praticamente vari argomenti, sviluppati tramite opportuni allenamenti, continuativi e graduali, facili da apprendere e fare propri per la vita quotidiana.

• Osservazione e prevenzione, tecniche di respirazione terapeutica antistress.
• Sviluppo delle capacità percettive.
• Individuazione immediata del pericolo e valutazione dei rischi.
• Sviluppo dell’autocontrollo.
• Preparazione mentale alla giusta reazione.
• Conoscenza delle proprie capacità e possibilità, ecc..
• .Prove e simulazioni di pericoli adottando tecniche ‘reali’ di autodifesa.
• Applicazione di tecniche di autodifesa.
• Uso inusuale di oggetti comuni e molto altro ancora...

L’obiettivo didattico centrale dei corsi di autodifesa femminile è l’acquisizione della consapevolezza di quei confini, non solo fisici ma soprattutto psicologici, valicati i quali un intruso può considerarsi implicitamente autorizzato ad accampare delle pretese. Ciascuna donna deve imparare a riconoscere, dentro di sé e nello spazio che immediatamente la circonda, quali sono quei limiti che non è disposta a lasciar superare.

Difesa personale